internet

Le ultime novità in materia di condominio e appalti.

By 7 December 2012 March 2nd, 2015 No Comments

Condominio riformato: le novità più rilevanti

Il 20 novembre 2012, la Commissione Giustizia del Senato ha definitivamente approvato il disegno di legge di riforma della disciplina del condominio.
Il provvedimento entrerà in vigore decorsi 6 mesi dalla pubblicazione sulla G.U.
Tra le maggiori novità: cambi d’uso più agevoli sui beni comuni, possibilità di distaccarsi dall’impianto di riscaldamento centralizzato, rafforzamento dell’azione contro i morosi, requisiti più dettagliati per la qualificazione degli amministratori, impossibilità di vietare per regolamento animali domestici.
Dall’esame del DDL, emerge la volontà di definire un profilo più responsabile e trasparente della gestione condominiale, nell’esclusivo interesse dei condomini ed a garanzia degli interessi dei terzi, in modo che il ruolo e le funzioni dell’amministratore ne escano rafforzati e al contempo i condomini possano più agevolmente controllare l’operato dell’amministratore.

Solidarietà passiva in materia di IVA e ritenute nei subappalti

L’art. 13-ter del D.L. n. 83/2012 ha modificato la disciplina in materia di responsabilità fiscale nell’ambito dei contratti d’appalto e subappalto di opere e servizi.
La disposizione, in estrema sintesi, prevede la responsabilità dell’appaltatore e del committente per il versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell’imposta sul valore aggiunto dovuta dal subappaltatore e dall’appaltatore, in relazione alle prestazioni effettuate nell’ambito del contratto.
La responsabilità viene meno se l’appaltatore/committente acquisisce la documentazione relativa all’esecuzione dei suddetti versamenti.
L’Agenzia delle Entrate, nella circolare n. 40/E, segnala che “l’incertezza sull’ambito applicativo della norma sta generando difficoltà applicative. Le associazioni delle categorie interessate hanno rappresentato che, in attesa di specifiche istruzioni che consentano la puntuale individuazione dei limiti di responsabilità dei soggetti coinvolti, sono stati sospesi i pagamenti da parte dei committenti/appaltatori a favore di appaltatori e subappaltatori”.
Tanto premesso, l’Agenzia fornisce due importanti chiarimenti in merito: le nuove disposizioni interessano i pagamenti effettuati dall’11 ottobre 2012, in relazione a nuovi contratti di appalto stipulati a decorrere dal 12 agosto 2012; inoltre, l’appaltatore/ subappaltatore può dimostrare il regolare versamento di IVA e ritenute attraverso apposita attestazione rilasciata ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 oltre che mediante asseverazione rilasciata da soggetti professionali.

Jacopo Mosca
Author: Jacopo Mosca

Leave a Reply

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close