Il 7 dicembre Apple (AAPL)  ha reso noti i numeri del suo App Store: 1 milione di applicazioni disponibili solo negli Stati Uniti. Lo scorso maggio, si sono toccati invece i 50 miliardi di download.

Un nuovo business per sviluppatori e grafici, ma anche e soprattutto una nuova opportunità per tante aziende che intendono offrire sul mercato la propria immagine digitale, interattiva.

Ma come proteggersi e tutelarsi contro soggetti che copiano e, dunque, contraffanno la propria applicazione?

Ecco che si rende necessario inquadrare la questione su tre piani:

1) Protezione del marchio: l’icona dell’applicazione. Il suo nome. È oramai noto che, per profittare della notorietà altrui, vengono caricate sugli Stores digitali applicazioni che, per nome o appunto immagini, somigliano molto ad applicazioni più famose, in tal guisa dirottando del traffico prezioso su contenuti spesso ingannevoli e non pertinenti ai prodotti originali.

2) Protezione del brevetto, ove presente: le applicazioni possono apparire semplici. Ma spesso dietro le quinte si cela un grande lavoro di engineering. Algoritmi innovativi che posso essere protetti come veri e propri patents (i.e. brevetti).

3) Protezione del linguaggio di programmazione: il diritto di autore tutela il linguaggio di codice utilizzato per scrivere l’applicazione, il software, inteso come risultato creativo dell’attività umana.

Jacopo Mosca
Author: Jacopo Mosca

Leave a Reply

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close