comunicazionemediazione

Carlo Mosca al convegno Metakoiné (Milano, 25 novembre 2016). mediazione e comunicazione

By 30 November 2016 No Comments

Il convegno – promosso da Fondazione Aequitas ADR, International Year of Global Understanding (IYGU 2016) e Punto a capo comunicazione – si è svolto venerdi 25 Novembre all’Auditorium San Fedele di Milano con la partecipazione di avvocati, magistrati, docenti ed esponenti della comunicazione, della scienza e della cultura. È stata una giornata di interessante confronto interdisciplinare, aperta con l’intervento di benvenuto da parte della consigliera del Comune di Milano Sumaya Abdel Qader e dell’avvocato Vinicio Nardo, in rappresentanza dell’Ordine degli Avvocati di Milano, che ha concesso all’evento l’accreditamento formativo così come il Consiglio Nazionale Forense. Tra i patrocinanti, l’International Year of Global Understanding, l’Ordine dei Giornalisti, l’Unioncamere Nazionale, la Camera di Commercio delle Rivimg_4791iere di Liguria, la Regione Liguria, la Regione Lombardia, l’Università di Genova, il Comune di Savona.

Monica Brondi di Punto a capo, che ha curato e promosso il convegno sottolinea: “Sono contenta che relatori e pubblico abbiano apprezzato un format di evento non convenzionale, che si basa sull’interdisciplinarità e sul confronto tra linguaggi e saperi differenti. Metakoinè infatti, non è solo il titolo del convegno, ma un modello di “ecologia della comunicazione” che potrebbe riunire intorno a questi temi una community aperta al mondo giuridico e al mondo della cultura e della scienza”.

In mattinata, sul tema della comunicazione e comprensione si sono confrontati il prof. Franco Montanari dell’Università di Genova, rappresentante del Regional Action Center International Year of Global Understanding, l’autore televisivo Carlo Freccero, con un interessante intervento sulle dinamiche dell’informazione e dei nuovi media, l’Accademica della Crusca prof.ssa Silvia Morgana. Per i temi inerenti i linguaggi tecnico-scientifici, sono intervenuti l’Ing. Luca Brayda di IIT, con un dispositivo innovativo che traduce la grafica per i non vedenti, l’avv. Marco Altamura, consigliere giuridico di Fondazione CIMA, sui temi della comunicazione dei rischi ambientali e climatici. Al termine l’intervento ironico e stimolante del magistrato, oltre che autore teatrale Salvatore Cosentino, Un diritto …messo di traverso, sulle contraddizioni del linguaggio giuridico. Paola Bigatto, attrice e regista, Massimiliano Siccardi e Renato Gatto di Immersive Art Factory, Serena Ruffato fondatrice di Tooteko e Antonio Camurri, responsabile del centro di ricerca Casa Paganini- infoMus, hanno coinvolto il pubblico in performance di comunicazione interattiva e sensoriale.

Il pomeriggio ha visto l’intervento di apertura del Premio Nobel per la Pace 2015, l’avvocato Abdelaziz Essid, componente del cosiddetto “Quartetto per il dialogo _640-avv-comba-e-avv-moscanazionale tunisino” che ha concorso a ripristinare la democrazia in Tunisia. È poi intervenuto l’avv. Giovanni Giangreco Marotta, membro della Commissione Ministeriale sulle ADR, presentando le modifiche proposte dalla Commissione Alpa, in merito alla riforma delle ADR e l’avv. Filippo Amato sul tema della digitalizzazione degli atti.

Sul tema specifico della mediazione sono intervenuti il magistrato Fabrizio Pasquale del tribunale di asto, l’avv. Diego Comba per ADR Aequitas e l’avv. Carlo Mosca, per ADR Quadra, ed il prof. Claudio Sarzotti, docente di Sociologia Giuridica all’Università di Torino sulle implicazioni della mediazione nella giustizia penale. L’avv. Maria Gabriella Branca ha condotto poi una tavola rotonda con Cristina Rossello, specializzata in diritto societario e bancario, l’ambasciatore Luigi Scotto, Giovanni Battista Costa di Next-Nuova Economia per Tutti e Marzia Pontone della Comunità di Sant’Egidio.

Il convegno si è chiuso con una discussione finale fra Comba e Mosca sulla mediazione ed in particolare sulle modalità di intervento del mediatore (con approfondimento dell’approccio trasformativo) e le intersezioni fra mediazione e sistema giudiziario.

Carlo Mosca
Author: Carlo Mosca

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close